Passo dopo passo
il racconto del progetto


Pronti partenza ara

28 luglio 2016
ara-conferenza-stampa.jpg

ARA rilegge e rilancia la campagna rodigina

È stato presentato oggi nel Salone d’Onore del Comune di Rovigo, ARA. Percorsi Creativi Ruraliprogetto sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del bando Culturalmente 2015, con cui l’associazione Tumbo punta alla scoperta e riqualificazione delle campagne del Comune di Rovigo. Da un’idea nata da un gruppo di progettazione composito, formato da sportivi, architetti, designer, comunicatori e giovani professionisti, ARA intende pensare, e proporre ai rodigini, un nuovo modo di conoscere e vivere il territorio della campagna polesana, così fortemente legato all’identità della nostra provincia eppure così slegato dalle attività quotidiane che riguardano gli abitanti del centro. ARA vuole interpretare la peculiarità rurale del territorio limitrofo alla città di Rovigo trasformando le capezzagne, cioè le strade in terra battuta che corrono lungo le testate dei campi, in percorsi narrativi, creando contestualmente una rete che coinvolge e valorizza le aziende agricole e le realtà del territorio.

A partire da una indagine conoscitiva del territorio, le capezzagne saranno attraversate, mappate, percorse e saranno raccontate attraverso strumenti contemporaneamente narrativi e di indagine, quali interviste, fotografie, archivi sonori, che confluiranno in una piattaforma di storytelling digitale.

Durante la prima fase di indagine, aperta a chiunque sia interessato, verranno infatti individuati luoghi che esistono ma che sono sconosciuti ai più e saranno mappati una serie di percorsi attraverso le capezzagne attorno alla città di Rovigo. Seguiranno le attività di progettazione e i laboratori creativi che, guidati da artisti, designer, urbanisti e altri esperti, definiranno il piano di installazioni artistiche e micro eventi che avranno come protagonista la campagna attorno alla città, un confine sul quale è possibile camminare. È proprio qui, infatti, che saranno realizzati una serie di eventi culturali e sportivi (in primis corse e passeggiate realizzate in collaborazione con CorriXRovigo ma anche attività di nordic waliking) finalizzati all’esplorazione dei nuovi percorsi e alla scoperta delle installazioni temporanee, risultato dei laboratori.

Le capezzagne, lembi di terra battuta che non vengono arati per permettere all’aratro di invertire il senso di marcia, rappresenteranno così anche per chi le frequenterà, delle occasioni per “girare” la propria giornata; saranno luoghi di incontro, luoghi per conoscere i proprietari dei terreni e acquistare i prodotti del territorio, luoghi in cui rilassarsi.

Michele Peretto di Corri X Rovigo ci racconta il passaggio lungo le capezzagne

Legando l’espressione artistica a situazioni inconsuete di fruizione, quali le capezzagne e la campagna, ARA porterà l’arte in una dimensione quotidiana, fuori dal tradizionale contesto museale o cittadino e porterà la dimensione aggregativa, culturale e sportiva, in un ambiente, quello rurale, già esistente ma non precedentemente considerato, con il duplice risultato di far riscoprire il territorio e favorire nuove modalità di fruizione degli spazi rurali. In chiusura del progetto, una volta che i percorsi narrativi saranno tracciati e segnalati con le installazioni, si terrà un evento pubblico finale con lo scopo di presentare quanto realizzato complessivamente, raccontare il territorio e farlo conoscere tramite i risultati artistici dei laboratori creativi.

Selezionato tra i progetti vincitori dell’edizione 2015 del bando Culturalmente, promosso e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, ARA ha raccolto attorno a sé un consenso talmente vasto che la rete progettuale che lo sostiene è molto varia, per tipologia e provenienza dei soggetti. È realizzato infatti in collaborazione con: Conservatorio di Musica F. Venezze di Rovigo, CorriXRovigo, Azienda agricola Valier, Azienda agricola Ca’ Edda, Azienda agricola Corte Veneziana. Il progetto sarà inoltre realizzato con il contributo di: ASM SET, Marketing Arena, Fancy Grafica, Via Vai, Akoè Formazione e Servizi; partner tecnico: identity atlas. ARA ha il patrocinio di: Provincia di Rovigo, Comune di Rovigo, Coldiretti Rovigo, Confagricoltura Rovigo, ASD Confindustria Atletica Rovigo, Coni Rovigo, CSI Rovigo, Centro Studi Dante Bighi, Sapori di Capolavia, Otolab.